Tutte le notizie

CHIARA VOLA, DOMANI GRANDI SFIDE IN STRADA ED IN PEDANA

CHIARA VOLA, DOMANI GRANDI SFIDE IN STRADA ED IN PEDANA

Autore: Sandro/sabato 25 gennaio 2020/Categorie: News

I risultati migliori sono arrivati proprio dagli atleti più esperti, su tutti Chiara Capezzone, ancora record personale e sociale sui 1500 indoor con 4'54"63, dopo una cavalcata tutta d'impeto come suo carattere. Il Treno con la Treccia non smette di stupire. Arriva dalla provincia di Viterbo, grazie alla compiacente passione del papà che le funge da affettuoso sostegno morale ed autista, gareggia a questi livelli, mostrando alle "pischelle", come le chiama lei, che cosa significa avere classe, ritmo e temperamento, per poi ripartirsene, con un auto piena di cagnoloni, verso Roma. Cosa non si fa per i figli, eh? Comunque, Chiara vive per la sua famiglia, per le sue bestiole (cavalli e cani, quindi, bestiole si fa per dire) e per la corsa. Oggi, come sempre, è partita in testa, guidando a lungo il gruppo (come mostra la foto) per cedere soltanto nel finale all'anconetana Firmani, lunghissima e giovane atleta di assoluta qualità. Naturalmente la nostra Chiara non è rimasta per nulla soddisfatta ed anche questo fa parte del suo carattere indomito. Provate a dirle che magari avrebbe potuto gestire la gara in maniera più attendista, magari a stretto contatto proprio con la Firmani, per poi cercare di imporre ritmo negli ultimi giri. La sua risposta sarà sempre un diniego palese ed uno scrollare di spalle. "Devo passare a 3'00 al chilometro e mantenere questo ritmo, punto e basta".  Noi l'abbracciamo idealmente e la sproniamo verso sereni traguardi che possano soddisfarla. Intanto ci teniamo stretti questi suoi crono di indiscussa eccellenza. Altro che dire. Matteo Spuri ha corso i 60 metri in 7"29 ed è stato il crono migliore dei biancorossi (tanto di cappello), davanti ad Alessandro Giacometti in 7"53, Mattia Napoletano, miglioratosi in 7"75, Gianluca Bertoni, buon rientro in 8"13 (Campione Regionale Master M35),Enrico Ghidetti 8"18 (M55), Giandaniele Mariani (M35) 8"22, Giovanni Feliciani 8"70 (Campione Regionale Master M65). Nei 60 metri donne bel progresso per Elettra Ruggiero, che si ritrova sempre più la velocista di un tempo fermando il crono a 8"19, mentre si è battuta con il solito impeto Sara Santinelli nel 400 metri, per nulla gratificata da un 1'03"35 che le va assolutamente stretto, ma che è un'esperienza in più che deve servirle di sprone per gli appuntamenti prossimi a venire. Ora, merita di tirare un attimo il fiato. Partirà oggi pomeriggio per Londra, altra esperienza di vita irrinunciabile. Nel salto in lungo donne Martina Ruggeri ha chiuso ancora il suo impegno con tre nulli, unica nel suo genere come sabato scorso, ma, considerando che ha cambiato rincorsa e che insegue ancora millimetriche certezze, progressi nella corsa e nella battuta si sono comunque visti. Stessa sorte nel triplo Allievi, per Nicolas Nucci, che, scegliendo la battuta da 11 metri, ha avuto la sfortuna di incappare in un primo nullo al centimetro, che gli ha vanificato un salto ben superiore ai 12 metri. Sarà per la prossima, non c'è dubbio. Il peso...non dimentichiamo il getto del peso Allieve. Erano in pedana le più forti d'Italia, con la nostra Sofia Coppari a sventolare il primato stagionale con 14.05. E' stata superata dalla Musci, campionessa italiana Cadette 2019, proprio davanti a Sofia, che ha sparato a 14.41, poi la poderosa atleta di colore Yimga con 13,34, ed al terzo posto la nostra fortissima atleta, ferma a 12,70, come dire, un bel passo indietro rispetto all'esordio, ma comunque quattro lanci ben superiori ai 12 metri (e due nulli) realizzati abbandonando completamente la tecnica (gesto finale anticipato, nessun caricamento, solo spalla e braccio). Si è avuta comunque netta l'impressione che questo sarà il podio dei prossimi tricolori Indoor Allieve, ma non necessariamente nell'ordine di questo pomeriggio. I migliori auspici sono tutti per Sofia, che indiscutibilmente ha grande forza fisica e dinamismo ed una tecnica tutta la imparare. Intramontabile Massimiliano Poeta, 53"62 di grande qualità nei 400 metri, lui che è al culmine della categoria M45. Ha preceduto Giacomo Lorenzini con 56"61, Giandaniele Mariani (Campione Regionale Master M35) con 1'06" 79 e Giovanni Feliciani (Campione Regionale Master M65) con 1'11"30. Un po' di confusione nei 1500 metri, che vedevano impegnati due nostri Master M60. La classifica finale ha stabilito che Paolo Costanzi è stato secondo di categoria in 5'23"51 e Mario Santori terzo in 5'28"23. Che succederà domani? Oltre alle gare indoor della mattina e del pomeriggio, alla seconda prova del CdS Master di Cross (anche Cadetti, Ragazzi ed Esordienti), sfileranno sulle strade di Grosseto le marciatrici impegnate nella prima prova del Campionato Juniores, che vale anche come Tricolore di categoria sulla distanza dei 20 chilometri. Camilla Gatti (in settimana un po' influenzata) e Sofia Baffetti sono pronte per questa sfida. Sono le campionesse in carica, vorranno dimostrare di poter recitare anche quest'anno un ruolo da protagoniste. Camilla, poi, ha il podio tricolore a portata di mano. Il Tecnico, Fabio Faggeti, fa finta di nulla, ma vive con ansia questa vigilia di passione. Forza dunque, senza altri commenti inutili. Partenza ore 9.00. Dieci minuti dopo, a Fermo, esordirà Gaia Ruggeri nella prima prova del Campionato Invernale di Lanci (lei per il giavellotto) e successivamente Sara Zuccaro e Vesna Braconi (Allieva in prestito per un anno alla Stamura Ancona) per il martello. Insomma...emozioni a non finire anche in questo fine settimana.  

Visualizzazioni (256)