Tutte le notizie

ANCORA UN TITOLO, SCONTATO, IN CHIUSURA DI CAMPIONATI

ANCORA UN TITOLO, SCONTATO, IN CHIUSURA DI CAMPIONATI

Autore: Sandro/domenica 15 settembre 2019/Categorie: News

Da parte nostra non è stato certo uno dei campionati più partecipati di sempre e, complessivamente, i risultati di tutti i concorrenti non sono stati esaltanti, ma, come si potrà facilmente capire, il sostenuto vento contrario ed il periodo avanzato della stagione, dopo la sosta estiva, non hanno giocato a favore. Chiudiamo comunque con cinque titoli, buon ultimo quello, assolutamente scontato, di Filippo Danieli nel getto del peso Cadetti, disciplina che lo porterà (insieme a Sofia Coppari) prima al Musacchio in Rappresentativa (Isernia, 21 settembre), poi ai tricolori di categoria (Forlì, 5 e 6 ottobre). Il nostro giovane corazziere non è stato affatto soddisfatto del risultato, ma, a conti fatti, considerando il rientro agonistico in vista dei prossimi, importanti appuntamenti, a parte il secondo e terzo lancio da dimenticare, gli altri sono stati pregevoli, come il 12.94 ottenuto all'esordio in pedana e che è rimasto il migliore. Poi, in realtà, la delusione palesata in maniera inconfutabile a giochi fatti, con espressioni da seria depressione, se n'è andata rapidamente, soltanto pensando che da domani si torna a scuola e che, all'orizzonte ci sono appuntamenti di ben altro spessore tecnico agonistico. Poi, Filippo non può certo non crogiolarsi nel ricordo di un 300 metri che, con un crono da netto personal best (39"65) ottenuto con due allenamenti soltanto, gli ha fatto mettere al collo una bella medaglia d'argento. Sinceramente, attendevamo lo scudetto di campionessa regionale anche da Sofia Coppari nel disco Cadette, ma in questa disciplina, evidentemente, siamo al cospetto di un'evoluzione repentina e se Sofia si è migliorata di tre metri abbondanti, raggiungendo il personale di 27.77, colei che ha vinto la gara, la stamurina Youssef, di metri ne ha incrementati più di quattro. Sofia d'argento dunque, in attesa di migliorare la tecnica e sbalordire tutti, a cominciare da se stessa. Un bronzo, meritatissimo, è arrivato da Berat Mehmedi nei 400hs Allievi, corsi in 1'06"09, stesso metallo al collo di Vesna Braconi, con un 30.28 nel disco che non le rende affatto giustizia, ma che non le toglie certo la supremazia schiacciante, evidente durante tutta la stagione, nel lancio del martello. Tra le Allieve, Sara Santinelli è stata quinta (dopo il bel bronzo di ieri nei 400) nei 200 metri in 27"89 e Benedetta Stazi quarta nei 3000, con un secondo e mezzo di miglioramento (13'08"00). Ancora un bronzo, stavolta tra le Cadette, con Anna Maria Cesaroni nei 300 metri, corsi in 43"64, molto vicino al personale, che la conferma, in proiezione futura, pedina importante nella squadra Assoluta del prossimo anno. Podio soltanto sfiorato per Jacopo Coppari nel salto triplo, con un 11.40 che conferma talento e necessità di acquisire la ritmica giusta (hop-step-jump). Era prevista anche una gara extra di marcia Ragazze e la nostra Teresa Ninno, a detta del tecnico Fabio Faggeti, non ha migliorato il crono (quinta in 14'07"54), ma sicuramente ha dimostrato maggiore credibilità nel gesto tecnico. Per niente soddisfatta, invece, l'istruttrice Giorgia Scarafoni della partecipazione e dei punteggi delle squadre Cadetti/e, che con tanta caparbietà si era impegnata ad allestire. In multimedia un po' di foto della manifestazione (e di Matteo Spuri per la prima volta in biancorosso).   

Visualizzazioni (82)