Tutte le notizie

COPPA GIOVANI 2018, DUE VITTORIE DI SQUADRA E SEI TITOLI

COPPA GIOVANI 2018, DUE VITTORIE DI SQUADRA E SEI TITOLI

Autore: Sandro/domenica 11 marzo 2018/Categorie: News

Varata la formazione, così com'era stata proposta da Giorgia Scarafoni e Gabriele Archetti (13 ore filate all'interno del palas per entrambi) e successive lievi rivisitazioni, l'Atletica Fabriano si è ripresentata in Coppa Giovani con il solito spirito di gruppo e la qualità che contraddistingue le categorie Ragazzi/e e Cadetti/e. Siamo saliti ancora sul podio, ed è un gran bel risultato questo, come i sei titoli regionali conquistati (più due secondi posti ed un terzo) individualmente, a confermare che, nonostante i tanti passaggi di categoria, la base è solida ed il vivaio ben consistente. Ci sarà magari da lavorare con le Ragazze, e la speranza è che dai prossimi Campionati Studenteschi possano arrivare nuovi elementi da inserire nel gruppo. Comunque, torniamo all'evento agonistico. Abbiamo vinto nella categoria Ragazzi, a pari merito (250 punti esatti, ma più vittorie individuali) con gli amici della Sangiorgese (28 società in classifica), così come in quella Cadetti, con 17 punti in piu' rispetto al DLF Ancona e 20 rispetto alla Sanbenedettese (34 in graduatoria), siamo stati quarti con le Cadette, dietro a Sanbenedettese, Sangiorgese e Ravenna (42 società in classifica) ed anche questo è stato un risultato importante. Infine decime le Ragazze, encomiabili per l'impegno e la disponibilità ad essere presenti, magari per racimolare un punto soltanto. Alla fine dunque, nella gran Combinata generale, Fabriano al terzo posto con piena soddisfazione. Diciamo che, finalmente, tutto è filato liscio ed anche ciò che sembrava scontato finalmente è stato tale. I titoli regionali nella categoria Ragazzi sono stati allori doppi, sia per Federico Tempestini, talento emergente, che per Francesco Ranxha, talento consolidato. Federico ha prima vinto i 60 ostacoli con autorità e poi si è ripetuto in un'estenuante (24 tentativi!) salto in alto, con il record sociale a 1.55 ed almeno un serio tentativo a 1.61 che sarebbe stato il nuovo regionale indoor. Doppio titolo indoor anche per Francesco, ormai avvezzo a situazioni del genere, nei 60 con 7"92 e nei 200 con 26"09, crono che valgono entrambi il record sociale (anche regionale nei 200), anche se di un centesimo soltanto rispetto al precedente. Dunque, dopo tanto rosa anche i maschietti hanno dimostrato di essere ben presenti. Si è ritrovato puntuale con la vittoria ed il titolo Filippo Danieli, 10.75 di peso a confermare la sua supremazia in regione, un risultato che sicuramente gli ridona slancio e fiducia dopo qualche delusione, buon viatico per una stagione all'aperto che lo vedrà sicuramente destreggiarsi con grande abilità in tutte le discipline dei lanci e nel solo. Finalmente il sorriso sul volto di Sofia Coppari, contenuta, ma decisamente imbronciata nelle ultime esibizioni. Ha vinto il titolo nel salto triplo, che conosce appena, ma in cui è talmente forte e predisposta che le basta mettersi le scarpette per avere la certezza del successo (deve imparare le gestualità tecniche ed avere avversarie di rango superiore, ma c'è tempo), ma la sua soddisfazione più grande è arrivata dagli ostacoli, odiate amate barriere che dice continuamente di volere abbandonare (chi ci crede!) ma che continua ad affrontare con temperamento, rispondendo all'invito di chi l'allena senza discutere. Quattro decimi di miglioramento (come le era stato dichiarato) quindi un gran 9"53 che è, ovviamente, anche il nuovo record sociale. La formidabile avversaria che conosciamo non è poi così lontana. Medaglie e punti importanti anche da Alessandro Giacometti (quinto nel triplo ma primo dei 2004 quarto nel lungo, secondo tra i marchigiani) che ha ancora bisogno di calma e lavoro tecnico, visto che di qualità fisica ne ha da vendere. E' piaciuto tantissimo Davide Biducci, velocista da 7"69 sui 60 e 24"71 nei 200 (quinto), importantissimo è stato il sesto posto di Nicolas Nucci nei 60hs così come il terzo nella staffetta 4x200, composta dallo stesso Nicolas, Filippo Danieli, Luca Gulino e Paolo Dominici. Fondamentali, per chiudere il programma ed entrare in classifica, Cristina Cipolletta nell'alto e nel lungo, Anna Maria Cesaroni nei 60 e nei 1000, Rachele Corrieri nei 200, Claudia Rutakolezibwa e Alessia Rosi nella 4x200 insieme a Rachele e Vesna. Tra i più piccoli da sottolineare la stessa fondamentale presenza di Matteo Ambrosini, Thomas Bergamo, Flavio Eremitaggio, Matteo Cucco, Simone Lippera, Giordano Galletti, Lorenzo Riccioni, Alessio Mennecozzi (quarto nella marcia 2 chilometri), Sara Agostinelli, Elisa Benedetti, Sonia Tiberi ed Anna Sbaffi (quinta nella marcia). Gli atleti schierati complessivamente sono stati 26, giusti contati per , un'assenza e addio classifica, ma tutto è andato bene e la disponibilità e l'impegno di tutti sono stati ripagati dall'ennesima degna figura in questa importante e partecipatissima manifestazione.  Foto e risultati pubblicati nella apposite caselle

Visualizzazioni (259)